“La fiducia in se stessi è il primo segreto del successo” Ralph Waldo Emerson
Condividi: condividi condividi condividi

Vi è mai capitato di sentirvi bloccati nelle vostre scelte? Di non risentire la giusta motivazione per passare all’azione e realizzare i vostri obiettivi? O di trovarvi di fronte a degli ostacoli che non avevate calcolato?

Spesso tendiamo a cercare i colpevoli dei nostri fallimenti e delle nostre pigrizie al di fuori di noi, per giustificare a noi stessi che la colpa degli insuccessi ottenuti non sono a noi attribuibili. Generalmente mettiamo in atto questo meccanismo involutivo e auto-sabotante per evitare il confronto con la parte di noi che, se sollecitata, ci trascinerebbe attraverso un cambiamento, costringendoci ad assumere le nostre responsabilità. 

Tutti i risultati che otteniamo nella vita, dipendono dal grado di responsabilità che decidiamo di assumerci. Più siamo responsabili ed investiamo TEMPO, ENERGIA, PENSIERI e DENARO nei nostri obiettivi, più otteniamo risultati che ci portano verso i nostri sogni. 

Prendersi le proprie responsabilità, include il saper calcolare con anticipazione il prezzo da pagare che emergerà dalle nostre scelte e dalle nostre azioni. Ricordarsi sempre che ogni scelta che facciamo nella vita porta con sé un prezzo da pagare e saperlo individuare ed essere pronti ad assumerlo ci permette di schivare colpi e risparmiare TEMPO, ENERGIA, PENSIERI e DENARO o di dover ricominciare da capo.

Per sbloccare la pigrizia e cominciare a mettere in moto azioni che portano risultati concreti, potete mettere in atto alcune semplici strategie, che risulteranno in breve tempo molto efficaci: 

- Definite con chiarezza ciò che desiderate, invece di mettere l’attenzione su ciò che non volete. Il cervello lavora seguendo le immagini che gli mostrate nella vostra mente e cercherà sempre di farvele viverle. La parola “non” è illeggibile per il nostro sistema nervoso, il nostro processore non la riconosce. Per esempio, dire a un bambino “non andare a giocare a bordo piscina” significa dare al suo sistema nervoso l’immagine del bordo piscina, probabilmente sarà attirato dall’andare proprio lì.   

- Dividete in piccole tappe le vostre grandi sfide! Per il vostro sistema nervoso, i grandi progetti, diventano così digeribili e realizzabili e vi porterà con più facilità verso ciò che desiderate. Se gli obiettivi sono troppo grandi, il sistema nervoso può prendere paura, sentire fatica ed arrendersi ancora prima di iniziare. Definite gli obiettivi a breve, a medio e a lungo termine. 

- Non paragonatevi ad altre persone, ognuno ha il suo vissuto ed è spinto dalle proprie motivazioni, che inevitabilmente sono diverse dalle vostre. Ogni essere umano è unico, ha il suo sistema di valori, le sue credenze, i suoi bisogni e i suoi sogni. Fate emergere la vostra unicità e il vostro valore, mettendo i vostri talenti e doni al servizio del prossimo!

- Riconoscete le vostre vittorie e valorizzate le azioni e i comportamenti che mettete in atto. Congratularsi con sé stessi è la prima fonte di motivazione! Quando valorizzate la persona che siete e ciò che fate per voi e per gli altri, producete degli ormoni che vi portano a risentire benessere e stimolano il sistema nervoso ad andare verso ciò che desiderate.

- Mettete piacere nelle vostre azioni quotidiane, invece di avanzare in modalità perfezionismo! Spesso le persone infelici e frustrate sono coloro che non sanno indossare la maglia del piacere la mattina prima di uscire di casa e tendono per cui a ricercare il pelo nell’uovo in ogni cosa.

- Osservate ogni piccolo passo in avanti, ciò che funziona e che possedete nel momento presente, invece di osservare ciò che non funziona e ciò che non avete. Questo atteggiamento mentale vi permette di risentire la soddisfazione e creare motivazione per avanzare verso il vostro futuro. Siete voi responsabili su che cosa posate la vostra osservazione e come decidete di interpretare il mondo attorno a voi! 

- Ascoltate sempre la vostra bussola interiore! Solo voi sapete cosa è giusto per voi stessi. 

- Frequentate persone che vi sostengono nelle vostre scelte e che vi stimolano a fare meglio! Evitate le persone negative, drammatiche, invidiose e con pensieri limitanti e che tendono a tirarvi verso il basso. Preferite i sognatori, le persone stimolanti e determinate.

- Create relazioni di successo! Ricordatevi che chi ha successo nella vita sa co-creare con altri esseri umani ed è ben consapevole che da soli non si va da nessuna parte.

- Apritevi al campo delle possibilità, siate ottimisti e sorridenti, attirerete a voi ciò che vi serve per riuscire! Siate la personalità che desiderate incontrare sul vostro cammino!

Potete mettere in atto una strategia alla volta e praticarla per qualche giorno, quando l’avrete integrata passate a quella successiva. In questo modo potete coltivare un’attitudine vincente e valutare i risultati che questi comportamenti vi apportano nel vostro quotidiano. 

Se decidete di giocare il gioco, ricordatevi di mettere piacere e valorizzarvi anche quando non riuscite a fare qualcosa come lo desiderate!

#BenessereEmozionale

Condividi: condividi condividi condividi
Il Coaching non costituisce terapia.
Il Coach è un allenatore, un motivatore, un facilitatore nel processo evolutivo e decisionale e non scava nel passato del Cliente per cercare le cause di un problema e non fa presupposizioni ma lavora nell’osservazione dei fatti.
Il Coach non è un terapeuta, un medico o uno psicologo. In caso di sintomi e patologie si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista. Le eventuali nozioni contenenti informazioni medico-scientifiche hanno unicamente finalità conoscitive, educative e divulgative con l’obiettivo di aiutare gli altri a fare scelte consapevoli e non costituiscono strumento di diagnosi o di medicazione e non sostituiscono in nessun caso la consulenza medica. Nessun termine in questo sito è utilizzato a scopo diagnostico, terapeutico o psicologico.
Alcune parole possono essere utilizzate per convenzione, ma non intendono definire competenze medico/psicologiche in alcun modo. Il Coaching non è rimborsabile dalle Casse Malati.
Il Cliente è informato delle differenze tra un Coach e uno psicologo.

Richiedi informazioni

Blog

Per offrirti una migliore esperienza questo sito utilizza cookie tecnici ed a fini statistici e di marketing.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e modificare le tue preferenze consulta la nostra cookie policy.

Modifica Chiudi e accetta