La Libreria di Quantasia

Emotional Longevity: What Really Determines How Long You Live

di Norman Anderson

Claudia Vece – 8 Maggio 2022

L’aumento della resilienza potrebbe avere conseguenze significative sulla salute. Ad esempio, la ricerca dimostra che le persone con buone relazioni, il comportamento più frequentemente associato alla resilienza, tendono a essere più sane di quelle senza buone connessioni con gli altri. Allo stesso modo, le persone che mantengono una visione ottimistica del mondo, un altro dei comportamenti frequentemente associati alla resilienza, tendono a essere più sane.

Norman Anderson

Da cosa è determinata la longevità?

La longevità e la salute sono determinate da un insieme di diversi fattori.

Emotional Longevity li esplora tutti, fornendo niente di meno che una nuova definizione di cosa signica essere in salute.

Basandosi sui risultati degli studi scientifici più famosi, il Dr. Norman Anderson, insieme alla sua coautrice e moglie, la giornalista sanitaria P. Elizabeth Anderson, identifica la combinazione dei collegamenti tra Biologia e contesto sociale, credenze ed emozioni che influenzano la nostra vulnerabilità a tutto, dal comune raffreddore alle malattie cardiache, la pressione alta del sangue, e la velocità di guarigione dalla malattia. Questo include: le tue aspettative sul futuro, come spieghi gli eventi del tuo passato, le tue amicizie e i legami sociali, la tua educazione e il tuo reddito, le esperienze traumatiche che non hai mai svelato a nessuno, e la tua abilità a trovare un significato dopo le avversità.

Attraverso le storie di figure prominenti, compresi Maya Angelou, Reynolds Price, e Linda Ellerbee, gli autori sottolineano la realtà di queste scoperte scientifiche, e le conclusioni del Dr. Anderson ci mostrano come migliorare la qualità della nostra vita.

Norman B. Anderson è nato il 16 ottobre 1955 a Greensboro, nella Carolina del Nord. Dopo la laurea presso la North Carolina Central University di Durham, NC, Anderson ha conseguito un master e un dottorato in psicologia clinica presso l’Università della Carolina del Nord a Greensboro.

Ha ricevuto un’ulteriore formazione clinica e di ricerca presso le scuole di medicina delle università Brown e Duke, comprese borse di studio post-dottorato in psicofisiologia e invecchiamento alla Duke.

Anderson ha anche ricevuto una formazione in Mindfulness Facilitation dall’UCLA Mindful Awareness Research Center presso il Semel Institute for Neuroscience and Human Behavior, University of California a Los Angeles.

Inoltre, Anderson è formato come Executive Certified e Professional Coach attraverso il College of Executive Coaching.

Nel 1998 Anderson è stato eletto presidente della Society of Behavioral Medicine, diventando il primo afroamericano a ricoprire la carica.

È stato direttore associato fondatore del National Institutes of Health, dove era responsabile delle scienze sociali e comportamentali, e è stato il primo direttore del NIH Office of Behavioral and Social Sciences Research.

Mentre era al NIH, Anderson ha facilitato la ricerca sulle scienze comportamentali e sociali in tutti i suoi istituti e centri. La ricerca nella ricerca comportamentale e sociale era di sua competenza in aree come cancro, malattie cardiache, diabete, salute dei bambini, salute mentale, salute delle minoranze, invecchiamento e salute orale. La sua attenzione speciale al NIH era nei determinanti socioculturali della salute e nel promuovere un approccio integrato, transdisciplinare e bio-psico-sociale alle scienze della salute, alla promozione della salute, alla prevenzione e all’assistenza sanitaria.

Anderson è stato anche professore associato di ruolo di psicologia medica e psicologia presso la Duke University e professore di salute e comportamento sociale presso la Harvard School of Public Health.

Nel 2012 è stato eletto all’Istituto di Medicina (ora Accademia Nazionale di Medicina), che fa parte dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Ha pubblicato decine di articoli scientifici e scritto e curato diversi libri. È stato redattore capo dell’Enciclopedia in due volumi della salute e del comportamento (2003) e co-editore di Ricerca interdisciplinare: casi di studio della salute e delle scienze sociali (2008).

Per oltre 12 anni è stato redattore capo di American Psychology, la rivista di punta dell’APA.

Con sua moglie, P. Elizabeth Anderson, ha scritto un libro sulla salute per il grande pubblico, Emotional Longevity: What Really Determinas How Long You Live, che è stato pubblicato nel 2003.

Ti è piaciuto l’articolo?

Contattaci per maggiori informazioni!

    Richiedi informazioni



    Contattaci
    Contattaci