S.A.N.E. il metodo di coaching trasformativo
Condividi: condividi condividi condividi

Il metodo S.A.N.E. – Sistema di Allineamento Neuro Emozionale, nasce in Francia dai dottori Mani Hesam e Arash Zarrinpour, i quali fondano nel 2013 il primo istituto che certifica Coach Professionisti nell’utilizzo di questo metodo straordinario in cui il team di Quantasia SA è specializzato.  

Perché il metodo di coaching S.A.N.E. funziona? Che cosa lo rende così unico?

Il metodo di coaching S.A.N.E. non si basa esclusivamente su un approccio analitico di strategie, ma bensì lavora molto più profondamente, coinvolgendo i circuiti neuro-emozionali che permettono di influenzare in maniera precisa l’attività cerebrale. 

È dimostrato che chi impara a praticare con regolarità le sequenze neurologiche del metodo S.A.N.E., riesce a modificare l’attività cerebrale che a sua volta ne influenza la sua stessa struttura e funzionamento (principio di neuro-plasticità) influenzando ed ottimizzando così la propria attività mentale, emozionale ed i propri comportamenti. 

Il metodo S.A.N.E. non è una terapia ma un metodo di auto-coaching molto potente, chi lo pratica è in grado di ottenere risultati notevoli sia per il suo benessere sia per il  modo in cui affronta le situazioni di vita e governa la propria evoluzione

Quest’anno la nostra società Quantasia SA con sede a Lugano, certificata nel metodo di Coaching S.A.N.E., ha iniziato ad intraprendere percorsi di ricerca per evidenziare gli effetti e i benefici del metodo S.A.N.E. con esperti di diversi settori. 

La prima ricerca da noi effettuata è stata fatta nel 2018 con gli esperti dell’Istituto di Neurofeedback e Biofeedback di Freienbach del Canton Svitto (https://www.i-nfbf.ch/fr/willkommen.html), presso la loro sede di Vevey. Durante quattro giorni abbiamo appreso le basi del Neuro e Biofeedback per poi praticare il metodo S.A.N.E. mentre l’elettroencefalogramma registrava che cosa succedeva nel cervello dei praticanti. 

Durante la pratica del metodo S.A.N.E. inizialmente si è notato che, se si osservano solo le onde cerebrali normali, non si vede bene che cosa succede a livello cerebrale, in quanto il cervello si trova in uno stato di grande eccitazione, è molto attivato e presenta ovunque una grande amplitudine delle frequenze. 

È emerso che le frequenze principali di attivazione sono le onde ALPHA 7-14 Hz e le onde THETA tra i 5-6 Hz (Good-Theta). Entrambe queste frequenze permettono al cervello di accedere alla creatività e di scaricare nuove informazioni. Chi accede facilmente a queste frequenze è in grado di trovare soluzioni ai problemi molto più facilmente rispetto ad altri. 

Oltretutto, a livello della regione prefrontale, abbiamo rilevato una chiara ed evidente attività in completa coerenza, soprattutto quando gli esercizi di visualizzazione lavorano verso un obiettivo specifico.

Il cervello è un organo straordinario che raggiunge il suo massimo potenziale quando funziona in coerenza e quando emette le frequenze di benessere e di riuscita.

Immaginiamo ora una persona che accede difficilmente a queste frequenze cerebrali di benessere e di creatività, probabilmente tenderà a riprodurre gli stessi schemi di funzionamento di fronte alle situazioni, mantenendo stabili i problemi ed impedendo a se stessa di evolvere e di accedere ad un livello di consapevolezza superiore. 

Possiamo addirittura immaginare un’azienda che ha obbligatoriamente bisogno di persone capaci di fare problem solving e di gestire con successo situazioni complesse. Spesso le aziende spendono molti soldi per formare i propri dipendenti ma senza successo, trovandosi ripetutamente di fronte a dipendenti sempre più stanchi, stressati, meno efficienti e con evidenti difficoltà nell’accedere alla creatività per risolvere problemi complessi. Apprendere ad usare il proprio potenziale non passa solo attraverso l’apprendimento di strategie esterne, prima ancora bisogna imparare ad allenare il proprio potenziale, allenando il cervello in modo profondo e duraturo verso la riuscita e soprattutto mantenendo il benessere al centro di tutto il processo. 

Il metodo di coaching S.A.N.E. permette proprio questo, ma vediamo ancora cosa succede nel cervello di chi lo pratica…

Dai risultati ottenuti all’istituto di Neuro e Biofeedback, è stato messo in evidenza che il metodo S.A.N.E. è in grado di lavorare sulle parti più profonde del sistema nervoso, andando a regolare il sistema “acceleratore-freno” (“Readiness Potential”) del cervello. Infatti, praticando il metodo S.A.N.E. sotto monitoraggio dell’EEG, si è notato che le frequenze inferiori a 1hz, dove si legge il campo elettromagnetico emesso dai neuroni, evidenziano una coerenza e una capacità di auto-regolazione di questo meccanismo.

Solitamente questa parte profonda del nostro cervello è caotica, sregolata e non educata a funzionare in modo da permetterci di raggiungere i nostri obiettivi e sabotando il nostro benessere (regolazione dei neuropeptidi e dei neurotrasmettitori). 

In questa zona c’è sempre una lotta di resistenze, che si traduce nella vita di tutti i giorni in comportamenti contradditori come “una parte di me vuole qualcosa e un’altra parte non la vuole, ma vuole qualcos’altro”. Sappiamo bene che procedere nella vita in questo modo (pensiamo a chi desidera mettersi a dieta o cambiare lavoro e non riesce perché in forte dualità) porta allo sfinimento e al malessere in quanto le energie che guidano questi tipi di comportamenti duali sono la frustrazione, il senso di colpa, la rabbia, l’impotenza, …

Per questa attività cerebrale, il neurotrasmettitore principale è la dopamina (processo dopaminico dominante). La dopamina è un ormone motivatore, infatti chi produce tanta dopamina può resistere ai suoi stessi impulsi, governandoli consapevolmente senza cadere nel tranello del piacere a breve termine (“ho voglia di cioccolato, non resisto, la mangio!”). Regolando questo meccanismo si fanno scelte più salutari o strategiche che implicano un attività regolata dell’acceleratore e del freno, questo permette di accedere al piacere a lungo termine (“non mangio il cioccolato per il piacere di piacermi in costume quest’estate”). Il metodo S.A.N.E., che lavora proprio attivando le frequenze come la gioia, l’entusiasmo o l’amore, stimola il centro del piacere del cervello, andando a regolare – sembrerebbe - questo complesso e profondo meccanismo con successo.

Probabilmente, se ci fosse la possibilità di praticare il metodo S.A.N.E. durante una fMRI, si vedrebbero altri dati interessanti riguardo all'attività cerebrale quando sottoposti a stimolazioni di frequenze come l’amore e la gratitudine per un lasso di tempo medio-lungo.

In questo modo il S.A.N.E.  permette di sincronizzare istantaneamente il cervello limbico con il cuore, creando coerenza e connessione tra questi due sistemi. 

Quando nella vita una persona procede nell’amore, accedendo alla creatività e al benessere, può solo esser destinata ad avere successo nelle diverse categorie di vita. 

Il metodo S.A.N.E. contribuisce alla creazione di comunità di persone più unite e consapevoli, in quanto chi lo pratica è connesso al proprio sentire e si autorizza a co-creare nell’amore e nella gentilezza con altri esseri umani. 

È oggi dimostrato, dalle migliaia di testimonianze di chi pratica il metodo S.A.N.E., che si ottengono risultati straordinari nella propria vita. Da qui, Quantasia, presenta il concetto di “metodo di coaching trasformativo”. 

Chi pratica il metodo S.A.N.E.  con regolarità ottiene un netto cambiamento nel suo stato di benessere e nel suo processo evolutivo in tutte le sue categorie di vita, i maggiori risultati si evidenziano nelle seguenti aree: benessere psico-fisico, maggiore energia vitale, capacità di produrre emozioni di benessere: gioia, entusiasmo, certezza, serenità, amore…, riduzione drastica degli stati di ansia e stress e delle emozioni negative: paura, senso di colpa, frustrazione, rabbia,…, riduzione di pensieri e comportamenti compulsivi o dannosi per la salute, regolazione ormonale e del sonno, consapevolezza di sé, consapevolezza relazionale, coerenza nell'attività delle onde cerebrali, coerenza cardiaca, manifestazione degli obiettivi in tempi brevi e gestione del tempo. 

Quantasia ringrazia gli esperti dei diversi settori che si mettono a disposizione per analizzare i benefici e gli effetti del metodo S.A.N.E. per la ricerca del benessere in tutte le sue forme.  

#BenessereEmozionale

Condividi: condividi condividi condividi
Il Coaching non costituisce terapia.
Il Coach è un allenatore, un motivatore, un facilitatore nel processo evolutivo e decisionale e non scava nel passato del Cliente per cercare le cause di un problema e non fa presupposizioni ma lavora nell’osservazione dei fatti.
Il Coach non è un terapeuta, un medico o uno psicologo. In caso di sintomi e patologie si consiglia di consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista. Le eventuali nozioni contenenti informazioni medico-scientifiche hanno unicamente finalità conoscitive, educative e divulgative con l’obiettivo di aiutare gli altri a fare scelte consapevoli e non costituiscono strumento di diagnosi o di medicazione e non sostituiscono in nessun caso la consulenza medica. Nessun termine in questo sito è utilizzato a scopo diagnostico, terapeutico o psicologico.
Alcune parole possono essere utilizzate per convenzione, ma non intendono definire competenze medico/psicologiche in alcun modo. Il Coaching non è rimborsabile dalle Casse Malati.
Il Cliente è informato delle differenze tra un Coach e uno psicologo.

Richiedi informazioni

Blog

Per offrirti una migliore esperienza questo sito utilizza cookie tecnici ed a fini statistici e di marketing.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e modificare le tue preferenze consulta la nostra cookie policy.

Modifica Chiudi e accetta