Brain & Body Wellness

Come dare senso alla propria vita e trovare il proprio scopo

 

Claudia Vece – 17 Agosto 2022

Ognuno di noi, prima o poi, arriva in un momento della propria vita in cui si chiede: “Chi sono?” – “Perché esisto?”

Molti dei miei clienti iniziano un percorso di life coaching perché sono alla ricerca del loro “scopo di vita”. Questa necessità di ricercare “qualcosa” che permetta loro di “esistere in maniera ottimale” è una spinta primordiale che ognuno di noi ha dentro di sé, poiché tutti, prima o poi, arriviamo a quel momento della vita in cui ci chiediamo: “Chi sono?” – “Perché esisto?” – “Qual è il mio ruolo nell’Universo?” – “Che lavoro dovrei avere?” – “Cosa sto facendo della mia vita?” – “Perché sono qui e come sono arrivato qui?”.

Negli studi di Bonebright, Clay e Akenmann (2000), viene dichiarato che vivere allineati al proprio scopo, in greco il proprio “Telos”, crea un aumento considerevole del ben-essere. Sembra inoltre che più lo scopo di vita è elevato, e quindi include l’evoluzione di altre anime, maggiore è la soddisfazione nella vita, l’autorealizzazione, le emozioni positive che si provano, come anche l’autostima.

Il termine “Telos”, Τέλος dal greco significa “compimento, scopo, fine, termine”, è la radice etimologica del termine “teleologia”, che indica lo studio dell’intenzionalità.

Quali sono i processi che ci portano a comprendere lo scopo di vita?

Kashdan e McKnight (2009) hanno identificato che un essere umano può arrivare a comprendere il proprio Telos attraverso uno o più convergenze di questi tre percorsi:

  • Apprendimento sociale: l’individuo si rispecchia nel comportamento di altre persone che hanno prodotto nella loro vita conseguenze desiderabili, copiando quindi ciò che risente risuonare con la propria anima. Questo tipo di scopo è spesso vissuto inconsciamente.
  • Sviluppo reattivo: la persona prende coscienza del proprio Telos dopo esperienze forti, profonde, trasformative o traumi. Questi eventi offrono l’opportunità di capire la propria direzione e i propri obiettivi nella vita.
  • Ricerca proattiva: questo è un processo complesso e graduale. Una ricerca proattiva della missione di vita implica la riflessione e la ricerca dell’anima, l’elaborazione di una dichiarazione del Telos e la sua sperimentazione estensiva.

La comprensione dello scopo di vita, è già nella sua stessa definizione teleologica “il motivo per cui qualcosa viene creato, o per il quale qualcosa esiste“.

Una spiegazione teleologica descrive un fenomeno in termini di “scopo a cui serve”, e nel nostro caso indaghiamo lo “scopo di una vita umana”. Un esempio per rendere chiaro quanto appena esposto, potrebbe essere “usare un cacciavite per servire un’insalata”, non c’è infatti corrispondenza tra lo scopo per cui è stato progettato il cacciavite e il suo uso in questo esempio. Lo stesso vale per ogni essere umano sul piano teleologico.

Come facciamo allora a sapere se stiamo vivendo la vita allinati al nostro Telos? Alla ragione per la quale esistiamo?

Saranno il nostro grado di benessere, di motivazione e di energia vitale gli indicatori del nostro grado di allineamento alla vita e al nostro scopo. È un dato di fatto che le persone che vivono meglio sono coloro che consciamente o inconsciamente ricercano esperienze significative e maggiormente allineate ai propri valori, ai propri bisogni, obiettivi e alle proprie aspirazioni. Quando le nostre passioni e i nostri valori sono strettamente allineati con le nostre aspirazioni e obiettivi, il nostro scopo è più coerente e fornisce un significato alla nostra vita.

Con il life coaching le persone imparano a conoscersi meglio, a comprendere i propri valori fondamentali, i propri bisogni, ciò che li appassiona, e quindi sarà per loro molto più semplice perseguire azioni in linea con il proprio scopo. Quando una persona è in grado di allineare le proprie azioni ai propri sogni e ad agire secondo i propri valori percepisce quella sensazione che Michael Jordan chiama il “being in the zone”, quello stato che Csikszentmihalyi definisce come il “Flow” . Il “flusso” è quello stato di totale immersione nell’attività svolta che tutto il resto scompare, il flow è quando diventiamo un tutt’uno con la nostra esperienza di vita.

Il life coaching, per come lo intendo io, è un viaggio individuale, profondo e trasformativo che aiuta a dare un nuovo senso alla propria vita, ad esprimere chi si è realmente e avvicinarsi al proprio scopo di vita.

Claudia Vece

Ti è piaciuto l’articolo?

Contattaci per maggiori informazioni!

    Richiedi informazioni



    Contattaci
    Contattaci